MONDO PIANTE | Vendita di Piante Mediterranee per Casa e Giardino - Vivaio Online |
MONDO PIANTE - Vendita OnLine di Piante per Casa e Giardino
P.Iva/C.F. 07958610722 - CCIAA di Bari - REA BA-594106
Sede legale: Viale Del Lilium, 31 - 70038 Terlizzi (BA) - Italy
Sede operativa: Contrada Difesa Carelli sc - 70038 Terlizzi (BA) - Italy
Tel 389.4833785 | 329.8266110 | 329. 8213085

Semi pianta Grano Saraceno

Semi pianta Grano Saraceno


Produttore: Mondo PianteMondo Piante

Prezzo listino: 4,40 [IvaInc]
In offerta a: 2,20 [IvaInc]
Risparmi: 2,20 (50%)
 Descrizione 

Vendita online Pianta Grano Saraceno è una pianta ricca di fibre e sali minerali sopratutto manganese e magnesio.

Informazioni e Caratteristiche semi Pianta Grano Saraceno:

GENERALITA':  I semi Pianta Grano Saraceno, è una pianta ricca di fibre e sali minerali sopratutto manganese e magnesio. E' priva di glutine , trova largo impiego nell'impasto di pane e pizza.

COME SEMINARE: La semina  della Pianta Grano Saraceno può essere effettuata o in piena terra o in vaso. Il terreno deve essere lavorato e si predilige un terreno abbastanza soffice, umido e leggero. I semi vanno distanziati tra loro di 3-4 volte il loro diametro e vanno interrati sempre in base al loro diametro (sempre 3-4 volte) in profondità. I semi abbastanza piccoli invece vanno lasciati quasi in superficie. Dopo aver proceduto con la semina si passa ad una leggera innaffiatura a pioggia o con un normale spruzzino in modo tale da non smuovere i piccoli semi e successivamente si procede con il compattare il terreno ed eliminare eventuali bolle d'aria. Duranta la germinazione bisogna mantenere il terreno costantemente umido senza eccedere. Le tempistiche di germinazione variano da pianta a pianta. 

CARATTERISTICHE:  I semi di grano saraceno sono molto ricchi di proteine, largamente rappresentate dalle gluteline, e pertanto sono un alimento molto ricco di lisina e povero di acido glutammico e di prolina. La farina trova impiego nell'alimentazione umana (pani, biscotti, polenta); un suo eccessivo consumo, però, determina un esantema della pelle nelle zone più esposte al sole (fagopirismo). Se impiegato in campo zootecnico, va preferibilmente miscelato con altri, perchè un suo largo consumo può provocare, anche sugli animali, il fagopirismo.
Fino a metà Novecento questa pianta veniva coltivata anche per uso farmacologico: da essa si estraeva la rutina, un flavone glucosidico utilizzato nel trattamento di disturbi dovuti ad anomala fragilità delle vene.