MONDO PIANTE | Vendita di Piante Mediterranee per Casa e Giardino - Vivaio Online |
MONDO PIANTE - Vendita OnLine di Piante per Casa e Giardino
P.Iva/C.F. 07958610722 - CCIAA di Bari - REA BA-594106
Sede legale: Viale Del Lilium, 31 - 70038 Terlizzi (BA) - Italy
Sede operativa: Contrada Difesa Carelli sc - 70038 Terlizzi (BA) - Italy
Tel 389.4833785

Albero Di Cedro Mano Di Buddha,  Altezza 160cm

Albero Di Cedro Mano Di Buddha, Altezza 160cm


Produttore: Mondo PianteMondo Piante

Prezzo listino: 22,00 [IvaInc]
In offerta a: 12,10 [IvaInc]
Risparmi: 9,90 (45%)
 Descrizione 

Vendita online albero del Cedro è una pianta sempreverde originario dell'india. Le foglie sono ovali con margine dentato verde scuro. I fiori sono grandi di color rosso-violacei. I frutti sono grandi e ovali. La scorza è molto utilizzata per realizziare liquori e oli essenziali mentre il succo viene utilizzato come bibita.

Dimensione Albero in vaso : 160/180cm

Informazioni e Caratteristiche albero del Cedro:

GeneralitàIl Cedro Mani di Buddha è una varietà di cedro della famiglia delle Rutaceae proveniente dall’Asia diffuso soprattutto in India e Buthan. La pianta caratterizzata da uno sviluppo arbustivo può superare anche  i 4 metri di altezza. Sul tronco liscio e di colore marrone – verdastro si originano giovani rametti rossastri o violetti ricoperti da grandi foglie di colore verde e da grandi spine acuminate lunghe anche qualche centimetro. Durante il periodo della fioritura compaiono grandi fiori intensamente profumati e riuniti in grappoli. I  fiori in boccio sono rossastri mentre aperti sono bianchi. I frutti, gialli e lunghi anche più di 30 centimetri, sono composti da numerose protuberanze a forma di dita dovute ad una malformazione genetica che fa sviluppare gli spicchi separatamente. La buccia della Mano di Budda, molto ruvida e spessa, costituisce circa il  70% del frutto. La polpa di questa varietà di cedro rispetto agli altri agrumi e gradevolmente dolce ma poco succosa.

Cura: L'albero del Cedro predilige terreno composto da argilla calcarea, sabbia e humus, così come tutti quei substrati che sono particolarmente ricchi di azoto e di potassio. Nel corso dei primi anni di vita della pianta di cedro, il suggerimento è quello di evitare qualsiasi forma di consociazione erbacea: in questo modo si permette di non apportare alcun tipo di danni alla struttura radicale della pianta stessa. Una volta che la giovane pianta è stata impiantata, sarà necessario apportare alcuni correttivi, soprattutto in funzione delle particolari esigenze climatiche che caratterizzano la pianta del cedro. Infatti, il cedro presenta una scarsa resistenza nei confronti delle temperature rigide, del freddo e delle gelate: ecco spiegato il motivo per cui si dovrà provvedere alla realizzazione di telai che permettano di proteggere in modo adeguato la pianta. Non dobbiamo dimenticare, inoltre, come le cedriere abbiano la necessità di sfruttare delle zone riparate o, in ogni caso, degli strumenti che possano ripararle, che siano fissati ai lati: ad esempio, per svolgere tale operazione, spesso si utilizzano delle palizzate in legno, delle siepi vive, o anche dei muri di cinta. Dopo che è stato realizzato l'impianto, ecco che si dovrà cominciare con la fase della zappatura, che nella maggior parte dei casi viene svolta nel corso della stagione autunnale. La prima cosa da fare è quella di rimuovere il terreno, con lo spargimento del letame. Ad ogni modo, dobbiamo evidenziare come le piante di cedro abbiano la necessità di essere sottoposte ad una potatura che deve avvenire in modo costante e periodico, dal momento che nel caso in cui fossero lasciate crescere senza alcun freno, allora darebbero vita ad una chioma dal portamento irregolare, caratterizzata dalla presenza di rami spinosi che andrebbero solamente a creare confusione tra loro, svolgendo di fatto un'azione limitante e bloccante nei confronti della fruttificazione della pianta di cedro. Il suggerimento è, quindi, quello di potarla in maniera regolare e vigorosa, in modo tale da andare a recidere i rami che non sono fruttiferi (che prendono anche il nome di secchioni) e tutti quei rami che sono stati colpiti da delle malattie o che risultano secchi. Non dobbiamo dimenticare, infine, come sarà importante legare tra loro le varie piante di cedro, in modo tale che il vento che non vada a provocare una collisione tra di esse e, quindi, per evitare che non si formino dei graffi sui vari frutti. Infine, l'ultimo consiglio riguarda la raccolta dei frutti della pianta del cedro che, nella maggior parte dei casi, deve essere sempre eseguita in pieno giorno.