MONDO PIANTE | Vendita di Piante Mediterranee per Casa e Giardino - Vivaio Online |
MONDO PIANTE - Vendita OnLine di Piante per Casa e Giardino
P.Iva/C.F. 07958610722 - CCIAA di Bari - REA BA-594106
Sede legale: Viale Del Lilium, 31 - 70038 Terlizzi (BA) - Italy
Sede operativa: Contrada Difesa Carelli sc - 70038 Terlizzi (BA) - Italy
Tel 389.4833785 | 329.8266110 | 329. 8213085

Albero Del Melo;2 Anni, Altezza 200cm

Albero di Albicocco Goldrich (2 Anni)

Codice: melo-200cm

Produttore: Mondo PianteMondo Piante

Prezzo listino: 11,00 [IvaInc]
In offerta a: 9,50 [IvaInc]
Risparmi: 1,50 (14%)
 Descrizione 

Vendita Albero di Albicocco Goldrich, disponibile nei seguenti formati:

  • Vaso 22cm, Altezza 150/170cm

Generalità Albero di Albicocco Goldrich:

L'Albicocco Goldrich è una cultivar che può contare su un'alta vigoria, un livello medio di produttività (che è anche piuttosto costante nel momento in cui le potature e le impollinazioni vengono effettuate con regolarità). I frutti si caratterizzano per avere un'ottima tenuta sulla pianta, permettendo la produzione di Goldrich per un periodo piuttosto lungo. La fioritura della varietà Goldrich ha inizio durante i primi dieci giorni del mese di marzo e la raccolta, invece, avviene nel corso della seconda decade del mese di giugno. La varietà di albicocche Goldrich presenta un peso medio pari a circa 90 grammi, con una buccia che presenta una colorazione arancio intenso piuttosto affascinante: l'uso di questi frutti è destinato, nella maggior parte dei casi, al consumo fresco. La polpa presenta una colorazione arancio; la qualità gustativa è discreta, in particolar modo nel momento in cui raggiunge un'epoca di maturazione avanzata, anche se nella buccia il livello di acidità sale leggermente. Nella maggior parte dei casi le piantagioni della varietà Goldirch di albicocco avviene in pianura ed in collina.

Coltivazione e Cura Albero di Albicocco Goldrich:

L'Albero Albicocco può essere coltivato in pianura come in altitudine. Per quanto concerne l’esposizione, è preferibile posizionare la pianta in una zona parzialmente ventilata e priva di umidità; ciò serve alla prevenzione di patologie fungine, avversità alle quali l’albicocco è purtroppo molto soggetto. Non c’è bisogno di dire che anche l’albicocco, come la maggior parte delle piante, da frutto e no, teme molto i ristagni idrici.Per la messa a dimora, che può essere effettuata da ottobre ad aprile, si scavi una buca profonda circa 60 cm e larga 80 cm; in fondo alla buca si è consigliabile mettere 100-150 g di cornunghia (un fertilizzante di origine animale); si riempie poi la buca fino a metà con terra mescolata a terriccio da piantagione ed eventualmente un po’ di letame. A questo punto si può inserire la pianta e riempire la buca con la terra scavata in precedenza. Alla fine si irrighi la zona con circa 20 litri di acqua. Può essere d’aiuto mettere un tutore alla pianta per indirizzarne lo sviluppo. Per quanto riguarda gli interventi di irrigazione, si tenga conto che l’albicocco non è una pianta particolarmente esigente; tenendo in debito conto le eventuali precipitazioni, l’irrigazione deve essere caratterizzata da una certa regolarità; si eviti di abbondare con le quantità di acqua quando siamo vicini al periodo di raccolta. I sistemi di irrigazione più adatti alle piante di albicocco sono l’irrigazione a goccia o a spruzzo.